domenica 5 maggio 2019

IN PILLOLE [044] IL MACELLAIO D’ETIOPIA IN VISITA A SAN MINIATO NEL 1939

Nessun commento:
a cura di Francesco Fiumalbi


Rodolfo Graziani [Filettino, 1882 – Roma, 1955] fu una delle personalità di maggior spicco durante il periodo fascista. Dopo aver combattuto durante la Prima Guerra Mondiale, aderì al fascismo e fu protagonista di tutte le guerre coloniali intraprese dal regime: la riconquista Libia (1921-1931), l’invasione dell’Etiopia (1935-1936) e la repressione in Abissinia (1935-1937). Fu Vice Governatore della Tripolitania e della Cirenaica (1930-1934), Governatore della Somalia (1935-1936), Viceré d’Etiopia (1936-1937), Maresciallo d’Italia e Marchese di Neghelli (1936), poi Capo di Stato Maggiore del Regio Esercito (1939-1941), Governatore della Libia (1940-1941), nonché Ministro della Guerra durante la Repubblica Sociale Italiana. I suoi metodi violenti e brutali, le spietate azioni di massacro e di sterminio condotte durante le dure repressioni contro le popolazioni civili dei territori africani, gli valsero l’appellativo di “Macellaio d’Etiopia”. E proprio per cercare di stemperare il clima di tensione venutosi a creare in Africa Orientale a causa dell’operato del viceré, nel 1938 Mussolini richiamò Graziani in Italia, dove rimase fino alla fine del 1939, in parte emarginato dal regime, fino alla sua nomina a Capo di Stato Maggiore che ne segnò la riabilitazione.

Rodolfo Graziani
Immagine tratta da Wikipedia

Rodolfo Graziani fu a San Miniato il 28 giugno 1939. Al momento si ignorano le ragioni di questa sua breve visita, tuttavia è assai probabile che Graziani prendesse parte ad una delle numerose iniziative fasciste che si svolsero durante la 1° Mostra delle Attività Empolesi (8 giugno – 2 luglio 1939) a cui presenziarono numerosi gerarchi fascisti. In ogni caso i sanminiatesi accolsero benevolmente la presenza del "Macellaio". D'altra parte, anche volendo, non avrebbero potuto fare diversamente. Va poi ricordato che la martellante propaganda del regime esaltava in ogni modo le "vittorie" del regime, celando o ridimensionando gli episodi spiacevoli e drammatici che potevano compromettere l'immagine del fascismo. All'epoca Graziani veniva presentato come un "eroe nazionale" e non certo come un sanguinario gerarca di un regime razzista e imperialista, che si era macchiato di atrocità e crimini di guerra.

Della rapida sosta sanminiatese si ha riscontro da un breve articolo del settimanale diocesano «La Domenica», Anno III, n. 27 del 2 luglio 1939. Di seguito il testo:

Il Maresciallo d’Italia
S. E. Graziani
Nella nostra città
Giovedì mattina giunse nella nostra Città il Maresciallo d’Italia Rodolfo Graziani.
Dopo una visita alla Cattedrale, l’illustre ospite si recava all’Albergo Miravalle, sostandovi brevemente.
Esprimendo la sua ammirazione per le bellezze naturali e panoramiche di S. Miniato e promettendo una sosta più lunga, il Marchese di Neghelli ripartiva alla volta di Firenze, fatto segno alle più vive acclamazioni delle persone che si trovavano in piazza del Duomo.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...