mercoledì 9 gennaio 2019

SAN MINIATO NELL’ANNUARIO D’ITALIA DEL 1889

Nessun commento:
a cura di Francesco Fiumalbi

In questa pagina è proposta la trascrizione delle informazioni relative a San Miniato contenute nell’Annuario d’Italia Amministrativo-Commerciale, anno IV, Parte I, Genova, 1889, pp. 1510-1511.
Si tratta di una pubblicazione interessante poiché oltre ad indicare l’organizzazione politico-amministrativa, rappresenta anche uno spaccato socio-economico del tempo, con le professioni e le attività commerciali e industriali presenti nel territorio sanminiatese. In particolare, nel Capoluogo si notano le professioni legali sviluppatesi attorno al tribunale e agli altri enti amministrativi. A Ponte a Egola si registralo le prime attività conciarie.



Di seguito la trascrizione:

CIRCONDARIO DI S. MINIATO
Comuni n. 14. Mandamenti 4. Superficie kmq 9843. Popolazione 115792.

MANDAMENTO DI S. MINIATO
Popolazione del Mandamento 20419; del Comune 16850; del centro 7271.

SAN MINIATO
Trovasi in ridente posizione, su di una eminenza tra l’Arno e l’Elsa. Vi ha commercio attivo e vi si tengono fiere molto frequentate. Il territorio produce grano, olio d’oliva, paglia da cappelli, vino, frutta ed ha buoni pascoli. Vi sono due sorgenti d’acqua minerale.

SOTTO-PREFETTURA
Sotto-Prefetto: Lastrucci cav. Sebastiano
Segretario: Gallanza avv. Giuseppe

UFFICIO DI PUBBLICA SICUREZZA
Ispettore: Ferri dott. Alberto
Delegato: Volpini Enrico

COMANDO DEI RR. CARABINIERI
Tenente: Brocci Michele

CARCERI GIUDIZIARIE
Autorità dirigente: Il Sotto-Prefetto

CONSIGLIO SANITARIO CIRCONDARIALE
Presidente: Il Sotto-Prefetto
Membro mand: Il Procuratore del Re
Consiglieri: Bucalossi cav. Enrico – Cianetti dott. Vittorio – Ceccherelli dott. Giovanni – Migliorati cav. Persio – Ceccherelli dott. Flaminio – Bachi ingegnere Carlo

AMMINISTRAZIONE MUNICIPALE
Sindaco: Catanti conte cav. Giacinto
Segretario: Marrucci avv. cav. Lorenzo

REGISTRO E DEMANIO
Ispettore: Piergiovanni Fortunato
Ricevitore: Prevignano Camillo

AGENZIA DELLE IMPOSTE
Circoscrizione dell’Agenzia: Mandamento di S. Miniato
Agente: Salvi dott. Pietro

SUBECONOMATO DEI BENEFIZI VACANTI
Subeconomo: Elmi Fausto

CORTE DI CASSAZIONE – FIRENZE

CORTE D’APPELLO – FIRENZE

TRIBUNALE CIVILE E CORREZIONALE
Presidente: Bonini cav. Agostino
Giudici: Jentscky Ferdinando – Cicori Ermanno – N.N.
Cancellieri: N.N. – Gabbani Giovanni

REGIA PROCURA
Procuratore del Re: Rocco Michele
Segretario: Fiaschi Ilario

PRETURA
Pretore: Sichi Enrico
Cancelliere: Bosi Domenico

COLLEGIO DEGLI AVVOCATI
Presso il Tribunale Civile e Correzionale
(vedi professioni)

Consiglio dell’Ordine
Presidente: Pini avv. cav. Gaetano
Tesoriere: Lami avv. Giovan Battista
Segretario: Pelleschi avv. cav. Annibale
Consiglieri: Chianini avv. Gregorio – Vallesi avv. cav. Francesco

COLLEGIO DEI PROCURATORI
Presso il Tribunale Civile e Correzionale
(vedi professioni)

Consiglio di Disciplina
Presidente: Falciani Ermanno
Tesoriere: Ciardini avv. Corrado
Segretario: Cristiani Gaspero
Consiglieri: Figlinesi Ercole – Del Pela cav. Antonio

CONSIGLIO NOTARILE DISTRETTUALE
(Vedi Firenze)

Notai
Chiavaccini Nicola – Morali Silvio – Campani Lodovico

COMIZIO AGRARIO
Presidente: Guicciardini conte avvocato Francesco
Vice-Presidente: Bachi ing. Carlo
Segretario: Bucalossi dott. Cav. Enrico

UFFICIO POSTALE
(Classe Seconda)
Incaricato: Martini Martino

UFFICIO TELEGRAFICO
(Classe Terza – Orario limitato)
Incaricato: Starnini Emilio

ISPETTORATO SCOLASTICO
Ispettore: Leoni prof. Demetrio
Delegato mand.: Pini avv. Gaetano

GINNASIO COMUNALE
Direttore: Pini avv. cav. Gaetano

ISTITUTO S. TOMASO
Direttore: Bandecchi prof. Vincenzo

EDUCANDATO FEMMINILE S. CHIARA
Direttrice: Sacchi Giulia

SCAVI E MONUMENTI
Ispettore onorario: Lami prof. Vincenzo

RR. OSPEDALI RIUNITI
Direttore: Focardi ing. Nicola
Segretario: Gazzarrini Antonio

DIOCESI
Vescovo Mons. Barabersi Annibale

Famiglia Vescovile
Segretario: Negri Ettore

Curia Vescovile
Vicario Generale: Mattei can. Marco
Vice Cancellieri: Corri Giuseppe

Capitolo della Cattedrale
Proposto: Giani Sabatino
Canonici: Baldacci Giuseppe – Bachecchi Agostino – Donati Raffaello – Gucci Giuseppe – Galeotti Guglielmo – Martini Cosimo – Morandi Annibale – Mattei Matteo – Rondoni Alamanno – Gozzini Gaetano

Seminario Vescovile
Rettore: Galeotti Guglielmo

BANCA MUTUA POPOLARE COOPERATIVA
(capitale illumintato)
Presidente: Bucalossi cav. Dott. Enrico
Direttore: Donati cav. Prof. Fedele
Segretario: Pontanari Silvio
Cassiere: Vensi Antonio
Ragioniere: Focardi ing. Nicola

CASSA DI RISPARMIO
Presidente: Migliorati dott. Genesio
Direttore: Marcucci canon. Emilio

PESI E MISURE
Lunghezza: Braccio, metri 0,5836 – Metro, braccia 1,7134
Id. Canna, metri 2,9181 – Metro, canna 0,3427
Superficie: Braccio Quadrato, metri quadrati 0,3106 – Metro quadrato, braccia quadrate 2,9358
Superficie: Quadrato, are 34,0619 – Ettatara, quadrati 2,9358
Volume: Braccio cubo, metri cubi 0,1988 – Metro cubo, braccia cube 5,0303
Id. Catasta, metru cubi 4,7711 – Metro cubo, cataste 0,2096
Capacità per gli aridi: Sacco, litri 43,0886 – Ettolitro, sacchi 1,3682
Id. Staio, litri 21,3629 – Ettolitro, staia 4,1016
Capacità pei liquidi Barile (da vino) litri 45,5810 – Ettolitro, barili 2,1938
Id. Fiasco (da vino), litri 2,2792 – Litro, fiaschi 0,4388
Id. Fiasco (da olio), litri 2,0893 – Litro, fiaschi 0,4786
Peso Libbra, chilogrammi 0,3395 – Chilogrammi, libre 2,9454

Albergatori
Ciampalini Giuseppe – Corri Agata – Garbati Gioacchino (Al Giappone) – Taverna Emilia ved. – Vensi Nicola

Appaltatori (generi alimentari, n.d.r.)
Del Rosso Carlo – Faraoni Antonio – Mori Pietro – Selmi Giuseppe – Taddei Ferdinando – Ulivelli Angiolo

Armi da fuoco
(negoz) Placchi Virginio

Bottai
Batisti Andrea – Borghesi Eugenio

Caffettieri
Caldurecchi Giuseppe e Amalia – Corri Assunta – Fedeli Antonio – Gazzarrini Pietro – Landeschi Ottaviano – Micheletti Pietro – Valori Enrico

Calzature
(negoz.) Mancini Carlo

Carri
(fabbr.) Boldrini Torello – Panchetti Bernardo

Cartolai
Benvenuti Cesare – Borgioli Dario – Ristori Massimo

Cereali
(negoz.) Balducci Giovanni – Brogi Angiolo – Bucalossi Oreste – Calugi Antonio – Gazzarrini Pietro – Montagnani Gaspero – Ronchi Orlando – Sabatini Sabatino – Serafini Giocondo – Serafini Pasquale – Spagli Romualdo – Teisani Angiolo – Terreni Cesare – Valori Nicolò – Zingoni Giovanni e f.lli.

Cotoni
(negoz.) Selmi Emilio

Droghieri
Bagnoli Pietro – Micheletti Pietro – Nardi Alessandro – Ulivelli Antonio

Fabbri
Barsi Gaetano – Bettini Maurizio – Bini Francesco – Caparrini Cesare – Caparrini Giovanni Battista – Ceccatelli Gaetano – Corsi Carlo – Corsi Pietro – Corsi Vincenzo – Giomi Pietro – Malvezzi Vincenzo – Mannucci Michele – Nacci Gaetano – Nacci Giuseppe

Fattorie
Alica (Ciani Pellegrino) – Barbialla (Spadolini Luigi) – Bucciano (Penna Raffaello) – Castel Vecchio (Francalanci Lorenzo) – Castellonchio (Giunti Pasquale) – Catanti (Batrucci Pietro) – Cevoli (Tacconi Giuseppe) – Colle Brunacchi (Bagneschi Attilio) – Collegalli (Ferrini Giovanni) – Palagio (Balducci Santi) – Palagio (Barnini Augusto) – Pratello (Soldani Ferdinando) – Santa Chiara (Falaschi Antonio) – S. Gervasio (Ciantini Giuseppe) – Santa Gonda (Corsi Francesco) – S. Miniato (Giorgi Silvio) – Paoli Lodovico – Pescini Raffaello – Neri Francesco – Ciaponi Gaspero – Sassuolo (Ciantini Gio. Batta) – Stabbia (Rossi Francesco) – Tattoli (Mechetti Gaetano) – Usigliano (Cateni Alessandro).

Fiammiferi
(fabbr.) Bellucci Angelo – Bini Giuseppe

Foraggi
(negoz.) Brogi Antonio – Brogi Giuseppe – Brogi Pietro – Lami Michele e Lorenzo

Fornaci
(eserc.) Finetti-Danty Enrico – Gazzarrini Giuseppe – Magazzini Assunta – Magazzini Pietro – Marianelli Nicola.

Indoratori
Bongi Gaetano – Gagliardi Antonio

Legnami
(negoz.) Faraoni Antonio – Giunti Elia – Morelli Nicola – Salvadori Pietro – Terreni Demetrio e fratelli – Ulivelli Angiolo

Liquoristi
Nardi Alessandro

Locande
(eserc.) Baroncini Giulio – Ciampalini Giuseppe – Mannucci Francesco – Valori Eminia ved. Taverni – Vensi Nicola

Merciai
Cecchi Raffaele Jacopo – Giannoni Giuseppe – Gori Pietro – Pogni Valente

Mediatori
Cei Michele – Valori Nicolò

Mobili e letti in ferro
(fabbr.) Mancini Egisto

Modiste
Bachi Maddalena – Ristori ne’ Taviani Vittoria

Molini
(eserc.) Donati Donato e nipoti – Elmi Palmiro – Elmi Stefano – Scali Annunziata vedova Matteucci

Nastri
(fabbr.) Pontanari Silvio

Orologiai
Bianchi Serafino – Papini Demostene – Valentini Romualdo – Valentini Paolo

Paglia
(negoz.) Caponi Pasquale – Nacci Giuseppe – Tozzi Savero – Zanelli Pellegro – Zingoni Crespino

Panettieri
Baggiani Vincenzo – Martelli Giovanni – Masoni Vincenzo – Poli Vincenzo – Rossi Francesco – Selmi Emilio – Susini Silvio – Vensi Antonio – Vensi Nicola

Paste alimentari
(negoz.) Salvadori Pietro – Rossi Giulio – Selmi Emilio

Pellami
(negoz. e conc.) Billeri Giovanni – Dani Andrea e f.lli – Dani Sabatino – Geri Andrea – Giusti Giuseppe – Lotti Luigi – Maltomini Assunta – Mancini Carlo – Petri Sabatino – Rossi Leopoldo

Pizzicagnoli
Baroncini Giulio – Gazzarrini Genesio – Giani Egidio – Ciampalini Giuseppe – Malvezzi Vincenzo – Martelli Giovanni – Parrini Cesare – Rossi Gaspero – Selmi Anselmo – Selmi Emilio – Vezzi Pietro

Pollame
(negoz.) Biagioni Leopoldo – Mannini Angiolo – Mannini Giuseppe

Ramai
Geri Andrea

Sarti
(negoz.) Baccetti Giuseppe – Pontanari Silvio – Taviani Claudio

Tessuti
(negoz.) Caponi Giovanni – Geri Andrea – Pontanari Silvio

Tintori
Mannoni Carlo successore di Romagnoli – Montanelli Leopoldo e f.lli

Tipografi
Bongi Vittorio – Ristori Massimo

Torchi da olio
(eserc.) Gazzarrini Antonio – Giunti Antonio – Lami Michele e Francesco – Maioli Francesco – Valori Giuseppe

Vini
(negoz.) Altini Luigi – Badalassi Vincenzo – Baldani Luigi – Cantini Angiolo – Santarnecchi Alessandro

PROFESSIONI

Avvocati
Baldacci Angiolo – Bucci Carlo Alberto – Chianini Gregorio – Conti cav. Nicolò – Cristiani Gaspare – Falciani Ermanno – Figlinesi Ercole – Franchi Stefano – Lami Gio. Batta – Lampredi Egisto – Pelleschi cav. Annibale – Pini cav. Gaetano – Rondoni Cosimo – Vallesi Francesco

Farmacisti
Ceccherelli Antonio – Fiaschi Carlo – Galli Igino – Giuliotti Giulio – Pandolfi Fabio

Ingegneri
Bachi cav. Agostino – Bachi cav. Carlo – Cantini Italo – Focardi Nicola – Mannini Roberto – Martini Luigi – Salvadori cav. Mario – Turchini Carlo

Medici-Chirurghi
Bernardi Francesco – Ceccherelli Flaminio – Ceccherelli Giovanni – Cianetti Vittorio – Delli Antonio

Periti
Focardi Nicola – Martini Luigi – Mannini Roberto – Turchini Carlo

Procuratori
Baldacci Angiolo – Bucchi Carlo Alberto – Chianini cav. Gregorio – Chimenti Carlo – Ciardini cav. Corrado – Conti cav. Nicolò – Conti Carlo Alberto – Cristiani Gaspero – Del Pela cav. Antonio – Falciani Ermanno – Figlinesi Ercole – Franchi Stefano – Gasperini Alessandro – Lami Giovan Battista – Lampredi Egisto – Lenci Aristide – Marioni Carlo – Mori Francesco – Pelleschi cav. Annibale – Pini cav. Gaetano – Rondoni Cosimo – Seghi Pietro – Seghi cav. Jacopo – Trivellini Silvio – Vallesi cav. Francesco

Veterinari
Bucalossi Enrico – Spagli Giuseppe

domenica 30 dicembre 2018

ADDSM – 1026, 22 luglio – TETBALDO MON. S. SALVATORE

Nessun commento:
 TORNA ALL'INDICE ADDSM

ARCHIVIO DOCUMENTARIO DIGITALE DI SAN MINIATO [ADDSM]
1026, 22 luglio – Tebaldo San Miniato

SPOGLIO «Tebaldo prete, figlio della fu Rodilinda detta Rozia, offre alla chiesa e monastero di San Salvatore del Ponte di Bonfiglio presso il fiume Arno, tutti i beni che possiede in San Miniato e in Batuta».

San Miniato, vista panoramica da sud
Foto di Francesco Fiumalbi

Il documento originale è conservato presso l'Archivio Arcivescovile di Lucca, Fondo Diplomatico Antico, AE.22 [A].

Trascrizione del testo contenuto in:
Carte del secolo XI dal 1018 al 1031, a cura di G. Ghilarducci, Archivio Arcivescovile di Lucca, Maria Pacini Fazzi editore, Lucca, 1990, doc. 69, pp. 190-191.

In nomine domini nostri Iesu Christi Dei eterni. Anno ab incarnationis eius mille vigesimo sexto, undecimo kalendas agusti, indictione nona. Manifestu sum ego Tetbaldo presbitero, filio bone memorie Rodilinde, que Rotia vocabatur, quia per hanc cartula pro anime mee remedium ofero Deo et tubi ecclesia et monasterio Domini sancti Salvatori, sito loco ubi dicitur Ponte Bonifilii prope fluvio Arno, idest omnia et onnibus casis et cassinis seo casalinis et rebus meis illis domnicatis et massariciis, quam habeo in loco et finibus ubi dicitur Sancto Miniato, tam infra ipso castello et de foris sive in loco et finibus ubi dicitur Batuta vel per aliis locibus et vocabulis ubicumque abere et possidere visu sum et mihi per quocumque ordinem leibus est pertinentes; ideo tam casis quam et cassinis seo casalinis adque rebus domnicatis et massariciis una cum fundamentis et onnen et deficiis vel universis fabricis suis seo curtis, ortis, terris, vineis, olivis, silvis, virgareis, pratis, pasculis, cultis rebus vel incultis, ut dictum est onnia in integrum trasacto nomine una cum onnibus cartule et moniminas seo iudicatas sive exemplar ver qualibe factiones aut quacumque scripturas cartarun, licteras, quantas et quales in me et misas aut datas vel pertinentes sunt, cum inferioribus et superioribus suis seo cum accessionibus et ingressoras suas, tibi Deo et ipsius ecclesia et monasterio Domini sancti Salvatori oferere prevideor, tali ordinem, ut ab odierna die in antea in ispius ecclesia et monasterio sancti Salvatori vel de eiusque rectoribus, permaneant potestatem et proprietario nomine usque in perpetuum suprascriptis onnibus casis et cassinis adque rebus illis eas habendi, tenendi, possidendi, inperandi, laborare facendi, usumfructuamdi et causas exinde agendi, querimoniam faciendi, responsum redendi, finem ponendi, modis onnibus ad pars ipsius ecclesie et monasterio Domini et sancti Salvatori defensandi cum cartula ista qualiter iusta legen melius potueritis pro anime mee remedium stabilem permaneant semper. Et si aliquando tempore ego qui supra Tetbaldo presbitero vel meos eredes in aliquot exinde intentionaverimus aut rectolli vel suptrai quesierimus, nos vel ille omo cui nos eas dedissemus aut dederimus per quoliber ingenio et eam ad pars suprascripte ecclesie et monasterio sancti Salvatori defendere non potuerimus et non defensaverumus, spondeo ego qui supra Tetbaldo presbitero una cum meis eredibus conponere ad pars ipsius ecclesie et monasterio beati sancti Salvatori vel de siusque rectoribus, in duplum in ferquidem loco sub estimationem quales tunc fuerint et ec cartula ofersionis mee pro anime mee remedium, onni tempore in sua permaneant firmitatem et roboren, quia in tali ordinem hanc cartula ofersionis mee Gherardus notarius domini imperatoris scribere rogavit. Actum in suprascripto monasterio prope fluvio Arno.
+ Ego Tetbaldo presbitero in anc cartula oferionis mee a me facta subscripsi.
(S) Hubertus iudex domini imperatoris subscripsi.
(S) Lottiarii comes filio bone memorie Caduli qui fuit comes rogatus testis
(signum) + manus Oritii filio bone memorie Teutii rogatus testis
(signum) + manus Lanfranchi filio bone memorie Raineri rogatus testis.
(signum + manus) Acti filio bone memorie item Actii rogatus testis.
(S) Gherardus notarius domini imperatoris post traditan conplevi et dedi.


COMMENTO (a cura di Francesco Fiumalbi)

Tecnicamente si tratta di una cartula offersionis, ovvero di un atto di donazione: da una parte l’offerente Tetbaldo, sacerdote, figlio di una donna, la fu Rodilinda detta Rotia; dall’altra il beneficiario, il monastero di San Salvatore situato presso il ponte di Bonfiglio, vicino al fiume Arno, a Fucecchio. Il dettaglio relativo all’indicazione della madre, omettendo il nome del padre, lascia intendere che Tetbaldo fosse figlio di un alto prelato, probabilmente nella cerchia dei sacerdoti appartenenti al Capitolo della Cattedrale, o comunque fra i più vicini al Vescovo di Lucca, che all’epoca era Giovanni II. Purtroppo non conosciamo praticamente niente di Tetbaldo se non il fatto, acclarato dai documenti superstiti, che avesse interessi patrimoniali nel territorio sanminiatese.

L’oggetto della donazione, infatti, è rappresentata da tutti i suoi beni immobiliari (casis et cassinis seo casalinis, ma anche adque rebus domnicatis et massariciis comprendenti universis fabricis suis seo curtis, ortis, terris, vineis, olivis, silvis, virgareis, pratis, pasculis, cultis rebus vel incultis, ut dictum est onnia in integrum trasacto). Queste erano situate sia all’interno del castello di San Miniato che fuori (in loco et finibus ubi dicitur Sancto Miniato, tam infra ispo castello et de foris), come ad esempio in località Batuta, situata nella valle del rio Ensi, a sud di San Miniato. Difficile, solo attraverso questa descrizione, farsi un’idea della consistenza dei beni di Tetbaldo.

Questo atto deve essere messo in relazione con altri due documenti riguardanti il medesimo Tetbaldo:

- la cartula venditionis dell’8 settembre 999, con cui Tetbaldo acquista un quarto di un pezzo di terra in località Batuta, vedi il post: ADDSM – 999, 8 settembre – Tetbaldo, San Miniato ↗

- la cartula libelli del 23 luglio 1026, con cui Tetbaldo riottiene almeno parte dei suoi beni dal Monastero di San Salvatore situato presso il Ponte di Bonfiglio a Fucecchio, vedi il post: ADDSM – 1026, 23 luglio – Tetbaldo livello ↗

Proprio questo secondo documento fa luce sulla vera natura dell’atto proposto in questa pagina: la donazione era finalizzata al ri-ottenimento dei beni sotto forma di livello.

A partire dal X secolo, le pergamene pervenuteci registrano innumerevoli atti di questo tipo, attraverso i quali, personaggi privati, prevalentemente laici, effettuarono fondazioni o copiose donazioni di beni. Beneficiari di questi, chiese e oratori privati, ma anche istituzioni monastiche o curie episcopali. Negli ultimi anni, gli studiosi si sono molto soffermati a cercare di comprendere questo fenomeno, così ampio ed esteso. Senza entrare troppo nei dettagli della questione, l'interpretazione più diffusa riconosce tali donazioni, apparentemente dettate solo da esigenze di tipo spirituale, anche come l'espediente giuridico per gestire sotto altra forma i grandi patrimoni delle maggiori casate comitali e marchionali della Toscana. La stessa cosa, infatti, fu fatta dai Cadolingi proprio con il Monastero di San Salvatore di Fucecchio, ed in particolare da Lotario figlio di Cadolo, il quale compare come testimone proprio in questo documento.

Non ci dobbiamo scordare, infatti, che i monasteri e le strutture ricettive come gli ospedali, erano quasi sempre esenti dai pagamenti tributari. Di contro, i membri delle famiglie esercitavano una grande influenza su quelle stesse istituzioni religiose destinatarie delle donazioni, anche riguardo la gestione degli stessi patrimoni, divenendone quindi i “patroni”, cioè esercitando i diritti di “patronato”. Significativo, da un punto di vista linguistico, il fatto che fra le parole “patroni” e “padroni” ci sia una sola consonante di differenza, lasciando intuire una sfumatura che nei fatti non fu sempre così netta e precisa. Per descrivere il fenomeno, gli storici, ed in particolare Wilhelm Kurze, hanno creato la definizione di “monasteri privati”, associandola a quelle comunità religiose che avevano beneficiato di ingenti donazioni da parte di ricche famiglie; da un punto di vista storiografico forse non è propriamente corretta, come definizione, ma senz'altro indicativa [in proposito W. Kurze, Monasteri e nobilità nella Tuscia Altomedievale, in W. Kurze, Monasteri e nobiltà nel Senese e nella Toscana Medievale, Accademia Senese degli Intronati, Siena, 1989, pp. 295-316].


DBDSM - INDICE TEMATICO - COMUNE DI SAN MINIATO - EPOCA MODERNA - POLITICI

Nessun commento:
↖ TORNA ALLA HOME DIZIONARIO BIOGRAFICO

PAIRETTO, RENZO. [1940-2018]



DBDSM - PAIRETTO RENZO

Nessun commento:
DBDSM - DIZIONARIO BIOGRAFICO DIGITALE DI SAN MINIATO


PAIRETTO RENZO
Renzo Pairetto [15 febbraio 1940 - San Miniato, 29 dicembre 2018], abitante a Ponte a Egola, di professione consulente aziendale. Eletto nelle liste del Partito Socialista Italiano, poi passato al Partito Democratico della Sinistra (PDS) e poi ai Democratici di Sinistra (DS) è stato Consigliere dal 1990 al 1995 e Presidente del Consiglio Comunale del Comune di San Miniato dal 1995 al 1999. Dal 1999 al 2004 è stato Assessore al Bilancio, finanze e aziende pubbliche durante il primo mandato del Sindaco Angelo Frosini. E' stato anche fra i sindaci revisori del Consorzio Cuoiodepur e dal 2004 al 2009 fra i sindaci revisori di San Miniato Promozione.

FONTI E RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
R. Boldrini, Dizionario Biografico dei Sanminiatesi (secoli X-XX), Comune di San Miniato, Pacini Editore, Pisa, 2001, p. 216.

lunedì 17 dicembre 2018

ADDSM – 999, 8 SETTEMBRE – SAN MINIATO, TERRA DI TETBALDO

Nessun commento:


ARCHIVIO DOCUMENTARIO DIGITALE DI SAN MINIATO [ADDSM]
999, 8 settembre – Tebaldo San Miniato

SPOGLIO «Milone del fu Teuperto, e Sighiberto del fu Ildebrando vendono a Tebaldo prete figlio della fu Rozia la loro porzione di una pezza di terra che aveano nel luogo Battuta per venti soldi, nell’anno sudd. 999. Arch. Arc. + G. 57».

San Miniato, vista panoramica da sud
con uno scorcio della valle del rio Ensi
Foto di Francesco Fiumalbi

Il documento originale è conservato presso l'Archivio Arcivescovile di Lucca, Fondo Diplomatico Antico, † G.57.

Trascrizione del testo contenuto in:
D. Bertini, Memorie e Documenti per servire all'Istoria del Ducato di Lucca, Tomo V, parte III, Francesco Bertini Tipografo Ducale, Lucca, 1841, doc. MDCCXLV, pp. 615-616.

+ In nom. S. et individ. Trinitatis. Otto gratia Dei imp. augusto filio b. m. Ottoni imp. et nepus b. m. Ottoni imp. anno imp. ejus in Italia quarto, sexto idus septembris, indit. tertiadecima. Manifesti sumus nos Milo filio b. m. Teuperti, qui Teutio vocabatur, et Sighiberto filio b. m. Ildibrandi, qui Ilditio vocabatur, quia per hanc cartulam venundavimus et tradimus tibi Tetbaldo presb. filio b. m. Rotie, idest nostra portionem ex integra de una petia de terra illa, que esse videtur in loco et finibus ubi dicitur Battuta, tenentes uno capo in terra S. Salvatoris, et in aliquantulo de ispo capo tenet in terra Tetbaldi et Fraolmi et Ughi gg. et alio capo tenet in terra suprascripti Tetbaldi, et de suprascripti germani, et alio lato tenet similiter in terra predicti Tetbaldi, et in terra Raineri filio b. m. Walteri. De has suprascripta petia de terra qualiter circundata est per designatas locas conpeti exiunde nobis quarta portionem, ipse vero ex integra nostra portionem cum inferioribus et superioribus suis, seo cum accessionibus et ingressoras suas, tibi eas venundamus, et tradimus. Pro quibus ad te pretium recepimus argen. solid. viginti in prefinito: unde repromittimos nos q. s. Milo, et Sighilberto una cum nostris hered. tibi q. s. Tetbaldo presb. vel ad tuis heredes aut eidem homini, cui vos suprascripta nostra venditio dederitis, vel abere decreveritis, ut si nos vobis eas aliquando tempore in aliquod exinde intentionaverimus aut retolli vel subtrafi quesierimus, nos vel ille homo cui nos eas dedissemus, aut dederimus per quoliber ingenio, et eam vobis ab omnis homines defendere non potuerimus et non defensaverimus: spondimus nos vobis componere suprascripta nostra venditio in duplum infer quidem loco sub estimarionem, quales tunc fuerit. Sic tamen si nos exinde autores nec defensores querere nec dare nolueritis, licentiam abeatis asque nostra persona, si vestra fuerit voluntas exinde causas agendi, responsum reddendi, finem ponendi, modis omnibus vobis eas defensandi cum cartula ista, qualiter justa legem melius potueritis, quia in tali ordinem hanc cartula Hubertam not. et judex dn. Imp. scribere rogavimus. Actum in loco et finibus ad castello et monte ubi dicitur S. Miniato.
Signum + ms. suprascr. Mili et Sighiberti qui hanc cartulam fieri rogaverunt.
Signum + ms. Teudici et Lamberti, qui Tetbaldo vocatur gg. filii Tetbaldi testes, et pretio dante viderunt.
+ Ego Tetbaldo rogatus testis, et pretio dande vidi.
+ Ego Hubertus not. et judex dn. Imp. post traditam ec.


COMMENTO (a cura di Francesco Fiumalbi)

Tecnicamente si tratta di una cartula venditionis, ovvero di un atto di compravendita: da una parte i venditori, Milo del fu Teuperti, chiamato Teutio, e Sighiberto del fu Ildibranti, detto Ilditio; dall’altra il compratore, Tetbaldo, sacerdote, figlio di una donna, la fu Rotie. Questo dettaglio relativo all’indicazione della madre, omettendo il nome del padre, lascia intendere che Tetbaldo fosse figlio di un alto prelato, probabilmente nella cerchia dei sacerdoti appartenenti al Capitolo della Cattedrale, o comunque fra i più vicini al Vescovo di Lucca, che all’epoca era Gherardo II. Purtroppo non conosciamo praticamente niente di Tetbaldo se non il fatto, acclarato dai documenti superstiti, che avesse interessi patrimoniali nel territorio sanminiatese.

Come mai un atto di compravendita fra privati è finito nell’Archivio Arcivescovile di Lucca? Semplicemente perché i medesimi beni indicati in questo documento furono nuovamente oggetto di un passaggio di proprietà e l’atto precedente era probante dell’effettiva proprietà. Infatti, il 22 luglio 1026 Tetbaldo offrì i suoi beni al Monastero di San Salvatore, fondato dai Cadolingi intorno all’anno 1000 e situato presso al Ponte di Bonfiglio, nelle vicinanze di Fucecchio, salvo poi riottenerli, almeno parzialmente, a livello. [A. Malvolti, L’abbazia di S. Salvatore di Fucecchio nell’età dei Cadolingi, in La Valdinievole tra Lucca e Pistoia nel primo medioevo, Atti del Convegno, Fucecchio 19 maggio 1985, Società Pistoiese di Storia Patria, Pistoia, 1986, pp. 35-64: 48]. In proposito ADDSM 1016, 22luglio - Tetbaldo, Monastero di San Salvatore ↗

Tornando al documento si apprende che l’oggetto di compravendita è la quarta parte di una petia de terra, venduta per 20 soldi d’argento, situata in località Batuta, che dal documento del 1026 apprendiamo che si trovava a sud di San Miniato, “in Ensi”, ovvero nella valle del rio Ensi, un affluente di destra del torrente Egola. Difficile individuare la precisa posizione di Batuta in quanto non vi sono altri riferimenti e la valle del rio Ensi si distende fra San Quintino e La Serra.
L’indicazione geografica viene completata con l’elenco delle proprietà contermini: da una parte un terreno di proprietà di San Salvatore (Monastero di San Salvatore di Fucecchio? Monastero di San Salvatore di Sesto di Lucca, che aveva proprietà nella zona?); da un’altra parte c’era la terra di Raineri figlio del fu Walteri  e, infine, confinava col terreno di Tetbaldi, Fraolmi, e Ughi, ovvero i dei Lambardi o “Signori” di San Miniato. Si tratta in particolare di Teobaldo I e dei suoi due figli Fraolmi I e Ugo I. Nel documento del 1026, invece figurano i nipoti di Teobaldo. [P. Tomei, Locus est famosus. Come nacque San Miniato al Tedesco (secoli VIII-XII), Edizioni ETS, Pisa, 2018, pp. 84-85; 144].

Infine, è interessante l’indicazione del luogo in cui venne stipulato l’atto: in loco et finibus ad castello et monte ubi dicitur S. Miniato.


domenica 16 dicembre 2018

BOLLETTINO ACCADEMIA EUTELETI N. 85 – 2018

Nessun commento:


INDICE DEL VOLUME:

Lupi LucaLandscapes | Finis terrae
Fancelli MariaVoci per un dialogo
Coppola GiovanniIngegneria civile e pensiero tecnico dell'imperatore Federico II di Svevia
Bucelli Claudia MariaIl Giardino di Castello fra ideologia e simbolo. Percorsi di estetica e parafrasi del potere
Sottili FabioCristofano dell'Altissimo a Montauto: una serie perduta di 'uomini illustro' per Giovanni di Agnolo Niccolini
Renzoni Stefano – Altre arlecchinate. Vincenzo Piattelli, la decorazione pittorica di villa Del Rosso a Capannoli, e certe cose ancora settecentesche
Roani Roberta – Interni samminiatesi. Le case di Filippo Ansaldi e di Filippo Roffia nel Settecento
Fontanelli ElisaFerdinando Guicciardini, Maggiordomo Maggiore al servizio di Maria Luisa di Borbone
Ceccanti Costantino – Le Sunlight Chambers di Dublino. Un edificio toscano nell'Irlanda del primo Novecento
Macchi LucaGli affreschi di Dilvo Lotti nella sala dela Gioventù Italiana del Littorio di San Miniato (1934) oggi Museo della Memoria
Cerri SusannaIl segno pubblicitario e l'estetica del consumo. La figura del graphic designer nel secondo dopoguerra
Micheletti Leondardo La morte delle stelle. Storia della società Elettrica San Miniato e della prima elettrificazione del comune
Chelli GiuseppeIl Passaggio del Fronte Bellico a San Miniato e nella Diocesi in una lettera inedita del Vescovo Ugo Giubbi al Cardinale Elia Dalla Costa
Angelo FabbriziDa San Miniato a al-'Alamayn
Francesco FiumalbiParchi e viali della rimembranza nel territorio sanminiatese
Ruta FrancescaOratori in fattoria. Un itinerario tra cappelle di ville, fattorie e poderi nel territorio di San Miniato (prima parte)
Loni Daniele e Macchi LucaL'iscrizione che ricorda il soggiorno di Papa Clemente VII a San Miniato nel Palazzo dei Vicari di San Miniato
Massi Claudia – La ricostruzione postbellica di due ponti a Pescia
Centauro Giuseppe AlbertoLa difficile salvaguardia delle strutture in conglomerato cementizio armato di valore storico documentario. Prato, i monumenti dell'industria da P. L. Nervi a F. L. Wright
Nistri RossanoMari, sorgenti, pozzi. Persistenza di mitemi arcaici e di simboli acquatici nell'iconografia sacra sanminiatese
Lamia HaddaIl minareto della grande moschea di Aleppo
Pietrosanti Susanna'Violenta la forza del morso che la ammutoliva': linguaggio e silenzio nella tragedia eschilea e nella ricezione contemporanea

Vita dell'Accademia 2018
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...